Liberati della cellulite con la giusta colazione

Aggiornamento: 6 giorni fa


La cellulite è uno degli inestetismi più diffusi tra noi donne, anche nelle più giovani, ma si tratta solo della punta dell’iceberg! Dietro questo disturbo infatti, si nascondono molte e diverse cause, tra cui le cattive abitudini alimentari.


Questa premessa è importante perché voglio tu capisca che non esiste la ricetta magica, l’integratore miracoloso o il trattamento definitivo per sconfiggere la cellulite.

E' invece fondamentale ricercare gli squilibri all’origine del sintomo e agire direttamente su di essi. L’approccio migliore è quello che tiene conto del nostro stile di vita a livello globale; alimentazione, movimento fisico ed emozioni sono i tre aspetti cardine su cui lavorare in sinergia.

Hai mai pensato ad esempio, che la cellulite ha uno stretto legame con la tua tendenza a trattenere le emozioni???


Ma non perdiamo di vista l’argomento di oggi…


Se è vero che “noi siamo quello che mangiamo”, ciò si riflette inevitabilmente sull’aspetto della pelle e della nostra conformazione. Quali sono gli alimenti che invece ne favoriscono la comparsa? Prosegui con la lettura di quest’articolo per scoprire tutti i segreti su alimentazione e cellulite.



LE CAUSE ENERGETICHE ALLA BASE DELLA CELLULITE SECONDO LA MEDICINA CINESE


In MTC la cellulite è da considerarsi come un accumulo di umidità. Essa origina principalmente da una ristagno di energia (Qi) che può avvenire per diversi motivi: alimentazione, vita sedentaria e tendenza a trattenere le emozioni.


Ad aggravare la situazione sono quelle abitudini che aumentano ulteriormente l’umidità nel corpo: alimentazione troppo abbondante e umidificante (zuccheri, farine, grassi in eccesso, succhi di frutta), frequentare ambienti umidi, rimuginare eccessivamente (in quanto abbatte l’energia della Milza, preposta alla trasformazione di cibo e bevande).


Gli errori alimentari più comuni alla base dei ristagni sono:

  • il consumo eccessivo di alimenti di sapore acido (agrumi, acqua e limone al mattino, aceto, yogurt…)

  • il consumo eccessivo di cibi umidificanti (fritti, alimenti grassi come il burro, latticini in grandi quantità, cotture complesse o con molti condimenti…)


Parlando in termini propositivi (tutti che ci dicono cosa NON possiamo mangiare riempiendoci di divieti e mai nessuno che ci dica davvero cosa POSSIAMO mangiare!), gli alimenti che aiutano a smuovere i ristagni sono:

  • legumi, ottimi tonici del Qi e al contempo con azione leggermente diuretica (plus: ottimi per gestire la glicemia e l’ipercolesterolemia)

  • cereali in chicco specie quelli ad azione diuretica: miglio, orzo, lacrime di Giobbe

  • erbe aromatiche e buccia di agrumi che sostengono al meglio la digestione, mobilizzano il Qi senza disperderlo e, a differenza delle spezie, non riscaldano eccessivamente



“Chi ben inizia è a metà dell’opera”

Nella mia esperienza come consulente di Dietetica Cinese, il pasto più problematico è rappresentato dalla colazione dove dilagano disinformazione e cattive abitudini (ammettiamolo, tutte ci siamo illuse di poter sconfiggere la ritenzione con yogurt greco, smooties di frutta o cereali da colazione…strapieni di zuccheri!).


Ecco perché oggi voglio regalarti questa preziosa ricetta che consiglio spessissimo alle ragazze che si rivolgono a me per questo inestetismo.



CONGEE DI RISO E AZUKI ANTICELLULITE


Ingredienti:

½ tazza di riso (preferibilmente integrale)

½ tazza di fagioli azuki (o fagioli cannellini)

8 tazze d’acqua

Una manciata di uvetta passa o zucca a cubetti (quando di stagione)

Scorza di limone biologico q.b.


procedimento:

metti a cuocere il riso in acqua per circa 3h, mantenendo il fuoco basso e aggiungendo se necessario altra acqua di tanto in tanto; a metà cottura inserisci anche i legumi precedentemente ammollati e l’uvetta passa (o la zucca) per dolcificare il tutto. A fine cottura guarnisci con la scorza di limone grattugiata sul momento.



Qualche consiglio extra per aiutare a migliorare la cellulite con accumulo locale di liquidi:


  • praticare attività fisica quotidiana, meglio a basso impatto come camminata, Qi gong, yoga, stretching.

  • Massaggi (o automassaggio) a cadenza settimanale per mobilizzare il Qi e sostenere il sistema linfatico. Attenzione all'uso fai da te delle coppette, potresti trovarti con capillari rotti e tessuti più infiammati di prima!

  • andare a sbloccare i meccanismi che mobilizzano il Qi e drenano l’umidità in eccesso con alcuni trattamenti Dien Chan (riflessologia facciale vietnamita) per lavorare sulla radice del problema (evitando che si riproponga).

  • trovare un canale per esprimere le proprie emozioni e la propria creatività, anche attraverso percorsi guidati, fiori di Bach, trattamenti di reiki tradizionale giapponese.





Dott.ssa Margherita Carli


Esperta di Medicina Cinese

Docente Alimentazione Energetica

Trattamenti Reiki e Dien Chan

Consulenza fiori di Bach e I Ching

267 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti